Brahmasutra - Badarayana Vyasa

Prezzo di listino €24,00

(1° edizione, 2005)

Badarayana ha codificato in questa sua opera l’insegnamento del Vedanta esposto nelle Upanisad. Il suo intento è quello di dare la giusta prospettiva di interpretazione dei più profondi e significativi contenuti delle Upanisad. Ciò si era reso necessario per degli aspetti unilaterali sia di alcune scuole di pensiero ortodosse, che accettano la Tradizione, sia non-ortodosse.

 Il Brahmasutra ripropone, nella loro semplice incisività, le asserzioni della Sruti e della Smrti mostrando la loro concordanza nel riconoscere il Brahman non-duale o nirguna quale ultima Realtà. Raphael sottolinea che Badarayana non combatte le varie scuole filosofiche ma fa comprendere che i loro postulati non possono rappresentare la Verità ultima com’è esposta nei Veda-Upanisad.

Nel commento Raphael a volte si è dilungato su alcuni aspetti della Dottrina advaita con riferimenti alla Tradizione occidentale evidenziando l’unità della Tradizione unica universale a livello metafisico. Viene chiarito, infine, un aspetto che nell’ambito dell'Advaita è di particolare importanza: tra le prospettive di Gaudapada e Sankara non vi è né contrappasizione né contraddizione ma sono due modi di porsi che pervengono ugualmente alla suprema Verità nirguna. Gaudapada si pone esclusivamente dalla prospettiva paramarthika (Verità ultima e suprema), Sankara inizia con la conoscenza vyavaharika (realtà empirica, fenomenica, relativa) per portare il ricercatore alla dimensione della pura conoscenza paramarthika.