I catari. Dai roghi di Colonia all’eccidio di Montségur - Paolo Lopane

Prezzo di listino €20,00

Alla metà del XII secolo, una Chiesa dilaniata dallo scisma d’Oriente vide profilarsi una nuova e minacciosa insidia alla propria coesione interna: il catarismo, la grande eresia venuta dall’Est. Eredi di una prospettiva gnostica ferocemente avversata già dai primi imperatori cristiani, i Catari, combattuti “con il ferro e con il fuoco”, professavano dottrine eterodosse che minavano alle fondamenta il potere di Roma. “Bugri” furono definiti con disprezzo nelle Gallie; “Bulgari” per le loro tenaci radici balcaniche. Ma la parola “Catari” significava “puri”, e non vi sarebbe stata, forse, denominazione più adatta a caratterizzare un movimento spirituale che dell’assoluto rigore morale aveva fatto un’inconfondibile bandiera. Riconsegnando il capitolo cataro alla Storia, il saggio ricompone in un grande affresco luci e ombre di quest’appassionante epopea.