Il Conte di Cagliostro e il Cavaliere d'Aquino - Ruggiero di Castiglione

Prezzo di listino €18,00

Ciò che fa di questo libro un prezioso e indispensabile unicum nel panorama, alquanto frastagliato, della letteratura cagliostrana.
In questo suo magistrale saggio, che si dipana di pagina in pagina sulla scorta di fonti scarsamente note e di documenti inediti di prima mano, Ruggiero di Castiglione è riuscito a dar vita, con sapienti pennellate di colore, degne di un romanzo di avventure alla Dumas, a un avvincente «spaccato» del mondo esoterico della seconda metà del XVIII secolo, dove, in un variopinto proscenio euromediterraneo dominato dalla longa manus della Massoneria e dell’Ordine di Malta, è la rocambolesca e insieme tragica figura del Conte di Cagliostro a troneggiare, con tutti i suoi fulgori e le sue ombre.
L’Autore vi dimostra - dando prova di una perfetta padronanza della materia, di cui uno dei segni più eloquenti è la ricchissima bibliografia pubblicata in appendice - come la controversa vicenda che ebbe per protagonista il «Gran Cofto» di goethiana memoria, trovi una sua spiegazione, tutt’altro che «misteriosofica», nei legami intercorsi tra quest’ultimo e il cavaliere Luigi d’Aquino, inquieto rampollo di una delle più antiche e prestigiose casate napoletane, che di Cagliostro fu - al tempo stesso - mentore e sodale.
Di questo singolare connubio, consolidatosi all’ombra del Vesuvio ma anche altrove, il volume ricostruisce la trama nascosta del suo dispiegarsi, nonché tutti i possibili riverberi, tanto sul piano storico quanto su quello più squisitamente iniziatico o meta-storico, con ciò contribuendo a gettare una luce su alcuni passaggi «cruciali» della vita di Cagliostro, che sarebbero, altrimenti, rimasti misteriosi e indecifiuti.